News > Rugby

Evoluzione della mischia ordinata

08 December 2022 | 2 min di lettura

La mischia è una della fasi più affascinanti di una partita di rugby, otto giocatori per squadra si sfidano in una prova di forza per conquistare la palla, mantenere il possesso e muovere l’ovale al largo verso i trequarti.

Corso suggerito


Corso di Alejandro Moreno:

Metodo Pumas: mischia dominante ed efficace

Attestato| <QuerySet [<Video: Alejandro Moreno Metodo Pumas L1>, <Video: Alejandro Moreno Metodo Pumas L2>, <Video: Alejandro Moreno Metodo pumas L3>, <Video: Alejandro Moreno Metodo Pumas L4>]> lezioni| 0:34:12| 113

La mischia è una della fasi più affascinanti di una partita di rugby, otto giocatori per squadra si sfidano in una prova di forza per conquistare la palla, mantenere il possesso e muovere l’ovale al largo verso i trequarti.
Per sapere come è formata e come si svolge una mischia chiusa basta andare a consultare questo articolo mentre per capire quanto e come questa particolare fase di gioco sia cambiata ed evoluta continua a leggere.

Sino agli anni ’90 i giocatori di prima linea dovevano letteralmente guadagnarsi il posto nella mischia, spesso i piloni e i tallonatori facevano a testate con l’avversario diretto per una migliore posizione nell’ingaggio. Non esisteva alcun tipo di comando da parte dell’arbitro, i giocatori andavano a contatto tra di loro e si introduceva la palla.

Poi negli anni 90 per cercare di limitare gli infortuni sono stati introdotti da parte dell’allora IRB (International Rugby Board), oggi World Rugby, dei comandi che l’arbitro deve chiamare prima dell’introduzione del pallone nel canale centrale della mischia. Negli anni 2000 l’arbitro dava i tempi dell’ingaggio con le chiamate “bassi e ingaggio”, poi nel 2007 si passò ai comandi “crouch, touch, pause, engage” (bassi, tocco, pausa, ingaggio) e alla fine di questi comandi il mediano di mischia introduceva la palla. Nel 2012 i comandi vengono ridotti a 3 “crouch, touch, set” (bassi, tocco, via), ed infine nel 2013 vengono modificati in “crouch, bind, set” (bassi, lega, via). Modalità in uso ancora oggi.

 

Queste modifiche all’ingaggio in mischia vennero sperimentate, introdotte e di nuovo modificate per salvaguardare innanzitutto la salute dei giocatori oltre che per rendere il gioco ordinato ma anche più veloce e spettacolare per il pubblico.

I docenti sportwig di Rugby


Articoli più letti di Rugby
























la formazione sportiva come mai prima d'ora

Registrati ora